FOLLOW ME
  • Grey Facebook Icon
  • Grey Instagram Icon
  • Grey Pinterest Icon
  • Manuela D.Q.

Coraggio

Le scelte sono come macigni, pesi enormi che noi spostiamo da una parte all’altra, in continuazione. Ogni istante ci si pone davanti una scelta da prendere e non importa che ci risulti, in quel momento, di poco conto o importante. Cambierà il nostro cammino. Viviamo in maniera sempre più frenetica, siamo come violini impazziti. Il futuro mi ha insegnato a non perder tempo. Non perdere tempo, affronta, corri, scegli. Amanti del caso, lasciamo a lui la responsabilità.

Il coraggio non ci manca, ma neanche il rimorso.

Siamo capaci di distruggere e di creare con una sola parola, con un gesto. Affrontiamo la solitudine, la gioia, l’amore e le ferite e non pensiamo che, in fondo, le abbiamo poste noi davanti ai nostri piedi. Ho compiuto mille aborti e mille nascite in questa vita, che sento già a metà. A metà di cosa? Nel punto in cui o decidi di andare avanti o ti fermi. Rallenti, respiri. Ti immergi nell’acqua e blocchi il tempo, blocchi i violini, blocchi i tuoi passi. Sospesa nell’acqua a guardarti le mani, i capelli, le gambe trafitte da un raggio di sole.

L’aria che respiriamo è una scelta?

Ho lasciato e perdonato. Ho stravolto e riordinato. Ho odiato e accettato. E poi ho amato. E amare mi ha ferito, bruciato e fatto diventare donna. Nel modo in cui io sola potevo essere.

Ed io non mi sono mai perdonata, ho lasciato che il tempo corresse veloce. Lui mi avrebbe guarito come fa il sale del mare. Eppure, le mie ferite sono ancora aperte.

Noi siamo esseri talmente coraggiosi, siamo incredibilmente abili nel credere, nel fidarci e poi nel tradire. Siamo così coraggiosi da permetterci di essere fragili, di essere ingenui, di essere cattivi e inoperosi. Siamo tanto coraggiosi da scegliere per noi stessi.

Quando ti fermi e rimani sospesa nel silenzio il tempo non esiste più, si annulla così come fanno i rumori.

Mi perdonerò?

E poi lo sguardo va verso la superficie, la luce mi attira, riscalda.

Ci vuole coraggio a risalire su, ricominciare a respirare e far ripartire questi violini impazziti?Continuare a compiere questa trasformazione continua che si chiama vita.

Ci vuole coraggio anche a restar giù.



0 visualizzazioni